Risonanze impolitiche

Recensioni:

Lino di Stefano su Riscossa Cristiana.it     

Gianfranco Perriera su La Repubblica

Vai alla galleria immagini e video

Si può approdare ad un tipo di società che non abbia in sé le patologie del potere, della sopraffazione e dell’emarginazione, una società trasparente del confronto non concorrenziale, del rispetto e dell’amore condivisibile di tutti coloro che ne fanno parte?
     È questa la domanda che pone l’autore. Solo l’uomo con l’uomo è persona, solo tutti i lui-lei in relazione creativa possono formare una comunità che esprima rispetto e al contempo confronto nonché valorizzazione delle differenze. Necessita che i nostri aggregati sociali siano redenti dalla competizione e dalla sopraffazione, figlie dell’ambizione e di uno smodato anelito al successo.
     Essere veri, pochi lo possono, e chi può non lo vuole ancora, sosteneva Nietzsche; la Polis, quella con la P maiuscola, piuttosto che cercare il consenso al fine di usare e asservire l’altro alle proprie ambizioni si senta chiamata, in verità, al servizio che libera e non lega, che dà a fede e ragione un motivo in più pur nelle diversità delle idee, delle culture e di genere.

Copertina